giovedì 25 ottobre 2012

RIFIUTI ZERO E' POSSIBILE!



NO
A INCENERITORI E DISCARICHE 
ASSEMBLEA PUBBLICA
Sabato 27 ottobre ore 16.00
Pistoia - Dopolavoro ferroviario (Piazza della Stazione)

Impatto dei termovalorizzatori sulla salute
Dr. Gianluca Garetti Medicina Democratica, coautore di Alterpiano per l’ ATO Toscana Centro
Strategia Rifiuti Zero nella pratica
Dr. Rossano Ercolini Rete Nazionale Rifiuti Zero, Centro di Ricerca Rifiuti Zero
 del Comune di Capannori

Il borgo ecologico della Dismeco.  Approccio  produttivo 'Metal  Recycling',  prima esperienza italiana  di allungamento della vita dei residui elettrici e metallici
Dr. Claudio Tedeschi DISMECO, Marzabotto (Bo)
Il punto di vista delle imprese artigiane pistoiesi
Mauro Agostini Comitato di presidenza di Confartigianato di Pistoia
Dibattito con i cittadini
Sono invitati a partecipare amministratori, operatori economici,
associazioni e cittadini
Promuovono l’iniziativa:
Ecologisti e Reti Civiche Pistoia; Abitanti a Piede Libero;
Coordinamento Comitati Ato Toscana Centro; Comitato WWF di Pistoia; Circolo Legambiente di Pistoia; Comitato Acqua Bene Comune di Pistoia; Circolo Tematico ARCI “La Torre”; Comitato ARCI Pistoia; Lista Civica Ecologista “Per un’altra Pistoia”, Partito Umanista; MoVimento 5 Stelle Pistoia; Libera Officina Primo Maggio; C.A.R.C. Pistoia e Prato; Comitato Antifascista San Lorenzo; Medicina Democratica, sez. Pietro Mirabelli - Firenze; GAScolle - Quarrata; GASamodoBIO - Pistoia.

No A Inceneritori e discariche

RIFIUTI ZERO
 UN OBIETTIVO POSSIBILE
ASSEMBLEA PUBBLICA
Sabato 27 ottobre ore 16.00. Pistoia,  Dopolavoro Ferrovieri (piazza Stazione)
I promotori di questa assemblea:
-         valutano contraddittorio e anacronistico il Piano Interprovinciale Rifiuti dell’ATO Toscana Centro, e ne chiedono una radicale revisione;
-         ritengono che una corretta pianificazione del ciclo produzione/consumo dei beni debba ispirarsi alla strategia Rifiuti Zero, e che pertanto i piani di gestione debbano prevedere, nel quadro delle azioni volte all’attuazione di tale strategia, la chiusura degli impianti di incenerimento  in esercizio  avviandone la dismissione, oltre al blocco di quelli previsti, in quanto pericolosissimi  per la salute e per l’ ambiente e dissipativi di risorse;
-         considerano la raccolta differenziata porta a porta con tariffazione puntuale il mezzo più efficace per una riduzione dei rifiuti ed un corretto recupero di materie prime seconde, a condizione che ad essa sia associata una rete locale (su scala di distretto) di attività produttive in grado di massimizzare l’efficienza nel recupero della materia, secondo l’esperienza già intrapresa da altre comunità;
-         al fine di quanto sopra ritengono importante il coinvolgimento delle categorie produttive ed economiche (artigiani, industriali, agricoltori, commercianti ecc.) che, in un quadro di opportune incentivazioni, dovrebbero farsi carico di iniziative imprenditoriali nel settore del recupero delle materie prime seconde, nonché di azioni di riprogettazione dei beni in funzione della loro durabilità e del recupero dei materiali a fine vita;
-         considerano l’Alterpiano, che trae ispirazione dalla strategia Rifiuti Zero, la sintesi più avanzata di proposta radicalmente alternativa al Piano delle tre province dell’ATO Toscana Centro (Firenze, Prato e Pistoia).
L’assemblea è finalizzata a:
-         divulgare la strategia Rifiuti Zero, informare sulla pericolosità degli impianti di incenerimento dei rifiuti e illustrare le nostre proposte in contrapposizione ai contenuti del P.I.R.;
-         invitare gli amministratori locali, e in primo luogo quelli del comune di Pistoia e dei comuni della piana, ad esprimersi con chiarezza sulla scelta inceneritorista che sottende il piano delle tre province;
-         raccogliere idee e proposte per definire ulteriori iniziative volte a costruire un diffuso consenso fra la popolazione sulla strategia Rifiuti Zero.
 

Nessun commento:

Posta un commento